Uno storico edificio a rischio di crolli per colpa dei ritardi della burocrazia
Administrator 20 Aprile 2011 PDF Stampa E-mail

francesco alliataPALERMO - “Mi dichiaro prigioniero politico della burocrazia” così, Francesco Alliata, principe di Villafranca, duca di Salaparatura, imprenditore

e fondatore della “Panaria film”.

Da qualche giorno il discendente della nobile famiglia siciliana ha lasciato Catania, dove ha vissuto per molti anni ed è tornato a Bagheria, nella città delle Ville, per difenderne una, la magnificente villa Valguarnera, duramente ferita dall’usura del tempo e dal disinteresse.

Facciamo un salto nella storia ascoltando il racconto del principe,che con grande lucidità e passione,dei suoi 91 anni vissuti intensamente,ci racconta dei fasti della villa, della sua attività, dei numerosi personaggi e titolati ospiti dello storico edificio del Settecento.

 299 anni di vita, per il sontuoso edificio; la costruzione prese inizio nel 1712 su progetto dell’architetto Tommaso Maria Napoli, e si concluse nel 1783.

“Villa Valguarnera era la reggia fra le case principesche della verde vallata” scriveva lo studioso di tradizioni siciliane Giuseppe Pitrè e oggi corre il rischio di cadere a pezzi.

“Devo far capire che il mondo non può essere abbandonato a se stesso e all’usura del tempo” ci spiega Francesco Alliata mentre si perde tra ricordi pieni di nostalgia.

leggi tutto sull'edizione del QdS del 20 aprile 2011

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

News recenti